Cosa facciamo

Vespri d’organo. Ebbero inizio nel 1998 e costituiscono tuttora una delle attività più significative. Questi Vespri sono programmati sugli organi più significativi del territorio e coprono tutto l’arco dell’anno.

Corsi di interpretazione. Sono divisi in due filoni, l’organo e le tastiere storiche, aree in un certo senso affini, data la molta letteratura in comune.

Organo. Dal 2005 l’Accademia svolge la sua attività sui strumenti fino ad allora non esistenti o non utilizzabili. Nella sede dell’Accademia sono disponibili sei strumenti: l’organo Hermans (1664, un manuale con 14 registri ed una pedaliera con un registro) e l’organo Ghilardi (2007, due manuali con 13 registri ed una pedaliera con 5 registri) nella chiesa di S. Ignazio su due cantorie gemelle, un organo Tamburini (1973, due manuali con 8 registri ed una pedaliera con 2 registri) nella saletta “Giuseppe Gherardeschi”. Nella vicina chiesa di S. Michele in Cioncio vi sono un organo Pinchi (1983, due manuali e pedaliera, con 3 registri).  In più vi sono due organi nella Cattedrale, cioè un Tronci del 1793 ed un Costamagna del 1969, recentemente restaurato, ed un organo Ghilardi del 2008, con canne di un Tronci del 1840 distrutto nel 1962, nella chiesa del Carmine.

Tastiere storiche. In collaborazione con il gruppo di musica antica Il Rossignolo e grazie ai molti e significativi strumenti in possesso dell'Accademia, è iniziato nel 2014 anche il corso dedicato alle tastiere storiche, che ha immediatamente riscosso molto successo. A questo si è subito affiancato un corso di musica antica d’insieme. L’Accademia dispone, per queste sue più recenti attività, di un clavicembalo traverso storico (Giovanni Ferrini 1731 con registri 8’+4’), di quattro cembali moderni (una copia di un italiano del XVIII secolo con 8’+8’+liuto, una copia di un Dulcken 1750, a due manuali con 8’+8’+4+liuto,  un muselar copia Ruckers 1620 con un 8’ e un altro clavicembalo italiano copia del Grimaldi del 1697), di un clavicordo Klop e di un bellissimo fortepiano copia Walter 1790. A questi due corsi si sono aggiunti presto quelli di flauto traversiere, flauto dolce e oboe barocco, canto barocco e violino barocco.

Tutti questi strumenti, tutti in pieno centro a Pistoia, offrono una rara possibilità di studio intensivo per i partecipanti ai corsi sia di organo sia di clavicembalo.

Pubblicazione in rete di musiche organistiche . www.accademiagherardeschi.it

Sono a disposizione degli organisti di tutto il mondo musiche pistoiesi o toscane ritrovate e trascritte da Umberto Pineschi: l’opera omnia di Giuseppe e di Luigi Gherardeschi e brani di diversi autori toscani (Pasquini, Oradini, Casini, Panerai, Ciullini, Giovan Pietro Baldi, Gherardo Gherardeschi ecc.).

Disponibili inoltre il primo ed il secondo libero di toccate di Merulo, le 10 toccate di Rossi, anche queste trascritte da Umberto Pineschi.

 

Pubblicazione in rete di articoli su organi e su composizioni per organo. www.accademiagherardeschi.org

L’associazione ha messo in rete, in italiano e in inglese, gli articoli che ha già a disposizione e vi  metterà quelli che arriveranno in seguito.e ha messo in rete, in italiano e in inglese, gli articoli che ha già a disposizione e vi  metterà quelli che arriveranno.